mercoledì 3 giugno 2020

GLOBALIZZAZIONE E DOPO CORONAVIRUS

Recentemente ho pubblicato su Amazon un libro che raccoglie tutti gli articoli che si riferiscono alla Globalizzazione e che ritengo siano di assoluta attualità anche ora in un periodo di post pandemia. In particolare il primo articolo del libro contiene una mia breve intervista realizzata dall’editore che ben rappresenta il mio pensiero a proposito di questo argomento, sempre di grande attualità.

Intervista“come vedo la Globalizzazione oggi”

Articolo:La Globalizzazione

Libro:  GLOBALIZZAZIONE: Informazioni per gli imprenditori





martedì 2 giugno 2020

ROLLEICORD: ANALISI DI UNA STUPENDA FOTOCAMERA A PELLICOLA

Ho rimesso in funzione una vecchissima macchina fotografica posseduta da mio padre che mi regalò quando avevo 15 anni decenni orsono. Allora mi sbizzarrii utilizzandola per riprendere ogni cosa che mi capitava a tiro, in particolare, utilizzando pose anche di ore durante la notte, riuscii a riprendere costellazioni e satelliti artificiali di passaggio. Inoltre utilizzando la posizione “T” dell’otturatore che consentiva di aprire il diaframma e lasciarlo aperto a piacimento ottenevo incredibili immagini in sovrapposizione e giochi di luce che impressionavano amici e familiari. Questa Rolleicord era una delle prime prodotte ed esattamente facente parte della serie Model 1 prodotte tra il 1936 ed il 1936. Utilizza pellicole cm. 6x6 con diaframma 3,5 – 32 e tempi da 1 sec. a 1/300 di sec. Nel seguito riporto immagini della fotocamera, alcune immagini realizzate ai tempi della mia giovinezza ed un paio di prove realizzate oggi. Intendo sfruttare ancora le caratteristiche particolari di questa fotocamera per realizzare foto speciali da pubblicare in questo Blog con spiegazioni di come le ho realizzate.

Vecchie Foto Rolleicord notturne pubblicate in un post precedente




sabato 30 maggio 2020

ANTICO VILLAGGIO SOPRA BRE’ (LUGANO)

In questo periodo che limita i viaggi ho dedicato la mattina a visitare e fotografare l’antico villaggio che si trova sopra Brè a 1.000 metri di quota. Il monte Brè è parte della città di Lugano e domina il lago di Lugano. Da quel punto molti percorrono sentieri che portano a monte Boglia (1516 m), all’Alpe Bolla (1129 metri) ed altri percorsi che i volonterosi sportivi che amano le lunghe camminate in montagna, non io, durante l’estate si divertono con faticose camminate di ore. Ho parcheggiato l’auto vicino alla chiesa e poi ho esplorato i vicoli che si trovano a poca distanza dalla Chiesa raccogliendo una serie di foto che qui di seguito riporto per i miei follower.



sabato 23 maggio 2020

MAGNIFICO RITORNO FOTOGRAFICO

Dopo aver pubblicato il precedente post con la mia foto satellitare realizzata nel 1960 sono andato a riprendere la mia vecchia Rolleicord con cui l’avevo scattata e mi è venuta la voglia di riprovarla: funziona perfettamente! Problema, cercare la pellicola e chi la sviluppa. Incredibilmente, cercando su internet, trovo un negozietto a 10 minuti da casa dove mi precipito questa mattina e trovo la pellicola Ilford FP4 120 per le foto 6x6 cm. e mi dicono che le sviluppano pure. Inizia il mio ritorno alla vecchia mania … con Eva che sussurra “moh ci risiamo, e chi lo vede più!”. Ora posso realizzare foto impossibili con le moderne digitali e ne riporto qui di seguito alcune di allora in cui mi divertivo a fare sovrapposizioni per spaventare gli amici e pose lunghissime, anche di ore. sono foto fatte in casa, a Parigi, a Edinburgo e sfido chiunque a realizzarle con macchine digitali!